La “legalità conveniente” approda in Calabria

Un’importante notizia dal Sud Italia arriva come ennesimo riconoscimento della validità del rating reputazionale: la Regione Calabria ha infatti reso noto pochi giorni fa l’avviso pubblico di consultazione preliminare di mercato per selezionare i soggetti attuatori del progetto “Calabria VIRTUTE (Valuable Identity and Reputation Technologically Unique Trusted Engine)” proposto da APART e Crop News in collaborazione con Mevaluate.

L’iniziativa della presidente della Regione Calabria Jole Santelli e del vicepresidente Antonino Spirlì si rifà al concetto di “legalità conveniente” per esaltare – grazie all’utilizzo dell’infrastruttura digitale di qualificazione reputazionale – valori quali onestà, abilità, competenze e meriti per la sicurezza collettiva.

Grazie a Calabria VIRTUTE infatti, l’utilizzo del rating reputazionale nei confronti di privati, aziende ed enti, metterà all’angolo l’ingegneria reputazionale che sul web ha dato vita a lucrose attività professionali ai limiti della legalità. Lo sviluppo tecnologico di questo strumento – il rating reputazionale, appunto – riempie un vuoto, quello della messa in valore della reputazione, ormai considerata a livello planetario uno dei beni immateriali più preziosi.

Ma è proprio sul tema della sicurezza collettiva che punta la scelta della Regione Calabria: più informazioni oggettive e qualificanti vengono messe in luce grazie al rating reputazionale di cittadini, aziende ed enti e più cresce il livello di sicurezza a ogni livello della vita civile. Le eccellenze calabresi avranno così più spazio per emergere, perché connotate non più da percezioni soggettive ma solo da dati oggettivi.

I vantaggi a livello pratico saranno molteplici, per chi potrà vantare un rating reputazionale: si pensi alle graduatorie per l’accesso all’edilizia popolare, o a premi assicurativi più bassi.

E da reputazione personale ecco che nel tempo si passerà alla reputazione territoriale, dove i nuovi attori – cittadini, aziende, enti – andranno a ereditare la “buona reputazione” costruita dai più “anziani” possessori di un rating reputazionale.

Nell’immediato, bisogna sottolineare un risultato tangibile: grazie a questo progetto almeno 1400 giovani potranno inserirsi nel mondo del lavoro, imparando una professione nuova dalle enormi potenzialità future.

Avviso di consultazione preliminare di mercato Regione Calabria

Consulta la rassegna stampa relativa alla notizia